.
Annunci online

Ricciotti
Neo Zotico Inferiore


Diario


30 gennaio 2018

Debbo

Mio fratello. Mia sorella.
Stanno morendo di fame e disperazione;
debbo accoglierli.

Andarli a prendere, debbo.

Mio fratello, mia sorella.
Sono in Eritrea.
Sono il Somalia.
Sono in India.
Sono nelle Filippine.
Sono in Mongolia.
Sono nella nazione Mapuche.
Ovunque, sono.
Sento il loro dolore.
Ascolto il loro richiamo.

Ho milioni di fratelli e di sorelle.
Sono una persona ricca, io.

Alf




permalink | inviato da Ricciotti il 30/1/2018 alle 19:48 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


30 gennaio 2018

Mirabile dictu ... ?

Voi fissate nel calendario e celebrate le "Giornate della Memoria".
Come se il nazifascismo fosse un episodio ormai consegnato
al '1900 e da relegare alla definizione retorica di "brutto incubo"
remoto.
E vi autoassolvete.
Come chiamate allora le guerre contemporanee?
Vi bastano i messaggi rincuoranti della propaganda;
"Operazione piombo fuso", "Operazione margine protettivo".
"Tempesta nel deserto".

Cose così.

Io, ho Memoria.
Voi, stupidità.

I nazifascismi - ed i nazifascisti - sono sempre qui.
E siete proprio voi.

Alf




permalink | inviato da Ricciotti il 30/1/2018 alle 18:28 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


29 gennaio 2018

29 Gennaio

29 Gennaio. Il Giorno.
Hai notato, mamma? Sono passati 5 anni molto istruttivi,
e tuo figlio ...
Beh; tuo figlio è qui.
Ciao, madre.

Alfredo



P.S.
Sull'etichetta c'è scritto:"Falanghina del Sannio" - vendemmia
del 2015.
Un paio di bicchierozzi alla tua memoria, Filomena.


PP.SS.
Anche Ettore e Pepetito ti salutano; ma non si fanno un
cicchetto in mia compagnia. Sono "salutisti", loro ...




permalink | inviato da Ricciotti il 29/1/2018 alle 19:49 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


23 gennaio 2018

Tabù in Ausonia

Gli Arabi e gli Ebrei, non mangiano i maiali.
Gli Indiani - quelli con il turbante, non quelli con le penne -
non mangiano le vacche.
Gli Inglesi, non mangiano i cavalli.

E noi Italiani? Ci pappiamo proprio tutto ?
Non abbiamo animali sacri, in Italia ?

Propongo la marmotta.
Noi Italiani non mangiamo le marmotte.
Il nostro italico tabù alimentare: La marmotta.





Alf




permalink | inviato da Ricciotti il 23/1/2018 alle 19:9 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


22 gennaio 2018

Futuri

Saranno esclusivamente i cattolici - ed altre sfumature
di cristiani - a fruire della pensione e delle altre forme
di reddito complementare (sanità, istruzione, trasporti, etc).

Sono sempre stati bravissimi ad organizzarsi in conventicole
attorniate dalle loro numerose clientele; e se vorranno -
poichè sarà soltanto questione dipendente dalla loro
esplicita volontà - avranno tolleranza per pochi esseri
umani dissenzienti; che faranno folklore e tenuti come giullari.

Questo è in sintesi ciò che mi dice il mio modello sociometrico
di simulazione.

Alf




permalink | inviato da Ricciotti il 22/1/2018 alle 13:3 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (6) | Versione per la stampa


21 gennaio 2018

Come dare l'antibiotico a Peppy

I gatti - è cosa nota - sono esseri bellissimi ma piuttosto nevrotici,
capricciosi ed isterici.
Sto scrivendo di gatti, non di femmine umane, ora.

Comunque.

E' una impresa che riesce ad esaurire le risorse di pazienza anche
dello scrivente; una minuscola compressa di antibiotico, anche
polverizzata od infilata a forza in gola, è rifiutata.
Come fare?

Mi è venuta un'idea.

Contando sulla proverbiale elasticità delle aziende farmaceutiche,
ho proposto che lo stesso antibiotico venga confezionato sia nelle
usuali dosi in minipillole, che in supposte delle dimensioni di un
estintore medio.

Lasciando poi al caro micetto, la decisione finale sul come assumerlo.

Alf




permalink | inviato da Ricciotti il 21/1/2018 alle 13:41 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (10) | Versione per la stampa


14 gennaio 2018

Rarefazioni

Nei decenni trascorsi anelavo, con disperata frustrazione,
all'Isola Deserta. Il luogo distante da ogni essere umano
che fosse sciocco, aggressivo e bugiardo; dove vivere
di poco e con poco. Senza il disordine e le immani distruzioni
attuate dalla specie umana in quanto aggregato sociale.

Con il trascorrere del mio tempo, mi sono ora reso conto
che nell'Isola ci vivo - e vivevo - da sempre; solo che
piuttosto che Deserta, essa pian piano si Desertifica da sè.
Le persone in questa mia Isola in divenire, la abbandonano o
ci muoiono; a stillicidio, svaniscono.

E la agognata solitudine della gioventù, diventa così reale
e misurabile nei tempi - ahimè - sbagliati.
Nell'Isola infine Deserta, nell'isola che non c'era, ci si
ritroverà quindi tutti; e non grazie alla volontà di fuga,
ma all'umorismo perverso di Crono.

Alf




permalink | inviato da Ricciotti il 14/1/2018 alle 10:4 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (9) | Versione per la stampa
sfoglia     dicembre        febbraio
 
 




blog letto 1 volte
Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom

COSE VARIE

Indice ultime cose
Il mio profilo

RUBRICHE

Diario

VAI A VEDERE


CERCA