.
Annunci online

Ricciotti
Neo Zotico Inferiore


Diario


29 agosto 2016

In breve

L'Episteme - anche nel breve periodo - trionfa sempre sulla Doxa.

Alf




permalink | inviato da Ricciotti il 29/8/2016 alle 17:33 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


28 agosto 2016

Di buona e cattiva fortuna


Ho imparato che, quando una persona si innamora ed
il suo amore non è ricambiato, deve avere la buona
fortuna di innamorarsi di una persona onesta.
Perchè è talmente vulnerabile e confuso che - con
la fredda e cinica maestria - può essere manovrato
per anni, come un burattino.

E l'onestà a questo serve; a comunicare presto il
disinteresse. Si soffrirà, certo; ma non si perderà
il rispetto verso se stesso e l'altra.

Alf




permalink | inviato da Ricciotti il 28/8/2016 alle 17:3 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (3) | Versione per la stampa


27 agosto 2016

Lotte

Stamane nei pressi della fermata dell'autobus 20 su
Viale della Sorbona (per fortuna s'invera ancora un
goliardo che sostituisce, nel travertino del viale, la
"b" con la "c" ...), c'erano la signora indiana, che
chiamerò Signora Tandoori e la signora araba, la
Signora Cous-Cous - scritto senza alcuna volontà
di mancare loro di rispetto, sia inteso - che discutevano
animatamente.

Stavano litigando, in breve. Ed ognuna nel rispettivo
idioma, mi è parso.

La Signora Tandoori era vestita con plurimi drappi e
veli multicolori: Bianco, arancione, azzurro; e spruzzate
di rosso ed indaco.
La Signora Cous-Cous, era coperta dai suoi sobri paramenti
scuri; nero e grigio con diverse gradazioni e sfumature.
Nelle concitate fasi del litigio - si mantenevano ad una distanza
di almeno un paio di metri, fra loro - si riusciva ad osservare
il turbine delle loro vesti.
All'occhio dell'osservatore, pareva di assistere alla lotta
dialettica della iridescente Primavera avverso l'incombente
e tetro Inverno.
Tutto si è spento trascorsi cinque minuti; con la fiera
soddisfazione delle signore.

Alf




permalink | inviato da Ricciotti il 27/8/2016 alle 18:5 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (3) | Versione per la stampa


26 agosto 2016

Attimi; istanti

Stamane, 26 Agosto 2016. Ore 7:15 circa.
Fermata degli autobus su Via della Tenuta di Torrenova.
Io, una ragazza e suo figlio di circa 6 anni, siamo in attesa.
Il marciapiede dove siamo non è molto ampio; il bambino però
gioca troppo vicino alla carreggiata. Sua madre, già a quest'ora,
è molto impegnata a trafficare con il suo smartphone.
Una automobile esce troppo veloce dalla curva a sinistra e vedo subito
che chi la conduce regge male la traiettoria.
Mi lancio ed afferro il bambino che si trova sull'orlo del marciapiede,
e lo trascino indietro con me. L'automobile dopo qualche istante sale
sul bordo del marciapiede, percorrendolo in parte.
E passa proprio dove poco prima c'era il bimbo.
Il conducente rientra in strada e se ne va senza fermarsi.
La madre non si è accorta di nulla.
Andatevene al diavolo.
Meno male che il bambino è salvo.

Alf




permalink | inviato da Ricciotti il 26/8/2016 alle 18:10 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (6) | Versione per la stampa


22 agosto 2016

Il buon vento


La mia limitata esperienza sulla navigazione marina
in barca a vela, mi ha insegnato parecchie cose;
la più importante, intesa come salvaguardia per il
natante e della vita di coloro che sono a bordo,
è stata l'attenzione da prestare alla superficie
del mare nei pressi dei bassi fondali.

Come si sviluppa il fondo marino, è interpretabile
dal moto della sommità ondosa; questa riporta nelle sue
creste e nella sua altezza e velocità del flusso
verticale, le asperità che possono essere un pericolo
mortale per la deriva e l'integrità del bulbo della chiglia.
E' una specie di dono che pochi posseggono; quanto
quello di saper reggere il timone e seguire la rotta.
Ed a non prendersi il boma in piena faccia se la
barca scarroccia per non aver "sentito" il segnale
dato dalla scotta della randa.

Nello stesso modo con il quale si evincono i pericoli
di un ambiente così alieno e pregno di mortali trappole
come quello marino, esamino l'altrettanto pericolo che
le persone possono celare.

Cioè prestando la dovuta attenzione alle loro indicazioni
di superficie, ai gesti, alle parole ed ai comportamenti,
vista la impossibilità dell'indagine nel profondo della
loro mente ed anima. E trascuro completamente la
apparente mitezza data dal pregiudizio che ciò che è bello,
deve essere necessariamente anche buono.


Alf




permalink | inviato da Ricciotti il 22/8/2016 alle 17:27 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (12) | Versione per la stampa


17 agosto 2016

Grandi figli di Bastet


Dice: I gatti neri sono la mistica compagnia delle Streghe.
E vabbè; un intero Evo umano costruì la sua subcultura
su simili idiozie.

Il Gatto Nero.
L'indispensabile coagulo e catalizzatore delle magiche
celebrazioni e dei più efficaci sortilegi.
Il Gatto Nero: Viatico eccelso e ctònio alle superiori sfere
della conoscenza trascendente, e compagno di quanti
desiderano orientarsi nei primevi sentieri delle segrete
ed ermetiche dottrine.

Sarà ...

Io di gatti neri ne ho due, a farmi compagnia.
Delle volte la ho buttata lì: "Ragazzi, non è che potreste,
con la dovuta calma siamo intesi, tirare fuori una
quaterna secca sulla ruota di Roma del Lotto?".

Nulla.

Oppure ho lasciata incustodita - ma a loro disposizione -
una Tavola Ouija per stimolare la loro voglia di vaticinare.

Niente.

Ho persino abbandonati in giro i 90 numeri della tombola;
visto mai volessero sceglierne 4 o 5 di quelli giusti.

Macchè.

Ettore - dall'alto dei suoi 9 anni felineschi - mi ha confessato
che è sempre stato un Ateo radicale e praticante; membro
ad honorem del CICAP. Guarda a quelle fesserie antropiche
con gattesco scherno.
Pepetito, micetto giovane ed esuberante, pensa solo a giocare,
a fare gli zompi ed alla passera.  E chi non ci pensa ...
Quindi è un fatto conclamato: I Gatti Neri sono soltanto dei gatti.

Mi toccherà continuare a lavorare, per vivere.
Per me e per loro.

Mai un aiuto; mai una gioia.  Delinquenti.

Alf




permalink | inviato da Ricciotti il 17/8/2016 alle 17:16 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


16 agosto 2016

Disposizioni urgenti in materia di rilancio dell'economia

La Presidenza del Consiglio dei Ministri

"Addì 16 Agosto 2016, allo scopo di favorire e rilanciare
l'economia nazionale preda di un momentaneo ed
imprevedibile stato di leggera crisi, si dispone e conferma
quanto segue:
Ogni persona residente nei confini della nazione, che sia
cittadino o meno, per l'acquisto dei generi ortofrutticoli
dovrà munirsi di apposito Certificato per il Permesso allo
Acquisto di verdure, ortaggi e frutta appositamente rilasciato
dagli organi statali competenti. Il Certificato per il Permesso
allo Acquisto di verdure, ortaggi e frutta (Cepevof), di durata
annuale e rinnovabile, è inquadrato nelle seguenti tipologie
reddituali:

- fino a 8.000€ ISEE: tassa Cepevof, 10 euro annui;
- dagli 8.001€ ai 50.000€ ISEE: tassa Cepevof 30 euro annui;
- oltre i 50.001€ ISEE: tassa Cepevof 50 euro annui.

l'acquisto di verdure, ortaggi e frutta sarà legittimo solo
dopo presentazione e verifica del Cepevof e consentirà
al cittadino un approvvigionamento di massimi chilogrammi
tre delle suddette cibarie. A settimana, però.
Restano escluse e sottoposte a diversa autorizzazione
Cepevof/Max , zucchine, cetrioli e banane in quanto
merci rientranti negli articoli di genere ludico".


Alf




permalink | inviato da Ricciotti il 16/8/2016 alle 15:15 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


13 agosto 2016

I pupi crescono

Ho - per poco più di un'ora - dato una mano ad un amico
nel correggere dei compiti estivi assegnati a del pargolame.

Uno di questi, e soltanto uno, mi ha lasciato esterrefatto:
Un bimbetto di 7 anni ha svolto l'esercizio esattamente
come fece Gauss alla sua età.

Sono meno disperato, ora.

Alf




permalink | inviato da Ricciotti il 13/8/2016 alle 21:1 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa


12 agosto 2016

Le stragi di tutti i fascismi

A me piacciono i numeri; non si possono obbiettare, i numeri.

Nel 2012 sono state 157;
Nel 2013 sono state 179;
Nel 2014 sono state 136;
Nel 2015 sono state 128;
e fino ad oggi - anno 2016 - sono state 77.

questi sono i numeri che si riferiscono alle donne uccise
in Italia. Un totale in 4 anni e qualcosa, che è pari a 679.
679 donne uccise. La strage criminale prodotta in un
paese dalle "Radici Cristiane".
E per 679 assassinate, ci sono allora 679 assassini.

Poi mi soffermo un poco sulle passate stragi; oggi
con il ricordo di quella di Sant'Anna di Stazzema del
12 Agosto 1944.
Nella diversità dei tempi e dei metodi, sempre la
stessa subcultura. Sempre e solo la stessa.
La tollerenza nei confronti degli umani violenti ed
aggressivi, genera soltanto lutti e disperazione.

Alf




permalink | inviato da Ricciotti il 12/8/2016 alle 14:43 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (10) | Versione per la stampa


9 agosto 2016

Solo crescendo

Capita che nuovi estranei, od antiche conoscenze, si facciano
strada nella vita di chi non ne vuole - o voleva - saperne di loro.
E bisogna rinfrescarsi la memoria sui motivi per i quali non li
si vuole - o voleva - intorno.

Eppure la migliore evidenza resta quella pragmatica; succede
di dover moltiplicare la propria forza, tenacia e spirito di sacrificio
al livello di dieci uomini; questo perchè le persone che
avevi precedentemente intorno, sono improvvisamente fuggite a
gambe levate.

Ecco perchè è necessario muoversi a piccoli passi;
misurati dalla cautela.

Alf




permalink | inviato da Ricciotti il 9/8/2016 alle 11:56 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (3) | Versione per la stampa
sfoglia     luglio   <<  1 | 2  >>  
 
 




blog letto 81181 volte
Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom

COSE VARIE

Indice ultime cose
Il mio profilo

RUBRICHE

Diario

VAI A VEDERE


CERCA