.
Annunci online

Ricciotti
Neo Zotico Inferiore


Diario


1 giugno 2020

Quelli che ...

Sono passati - ad oggi - 80 anni, ma la propaganda
funziona sempre con gli sprovveduti.

La malarazza delle guardie è senza sosta garantita,
dai media e dai loro servi, come nostra amica.




Alf




permalink | inviato da Ricciotti il 1/6/2020 alle 18:56 | Versione per la stampa


22 maggio 2020

La lotta al bias di conferma

Noi esseri umani abbiamo bisogno di altro,
oltre che di pane ed un tetto. Abbiamo bisogno
dei Sogni, come il riflettere su di un Altrove
nel quale si trovino giustizia, benevolenza e
compassione, così come sentiamo pure la necessità
delle Illusioni: Che amiamo qualcuno e che siamo
da questi reciprocamente amati; che siano presenti
dei gruppi che organizzano complotti ai danni di
tutta l'umanità, che attraverso la matematica
si riesca a vincere al Lotto ed in Borsa.
Che - madre - tu non morirai e non mi lascerai
mai solo ...

Cose così.

E nessuna forza razionale dissuade da Sogni ed Illusioni;
è completamente inutile negarli attraverso un
elenco di prove basate sulla realtà, così come è
superfluo operare tramite la derisione ed il sarcasmo.
Il bisogno irrazionale che porta ad avere una fede
o ad essere convinti che le ipotetiche cospirazioni
esistano davvero - nella mia opinione - possono essere
vinte soltanto fornendo ad ognuno il posto che merita:
Essere loro stessi i promotori della falsificazione
di tali nefaste credenze, sottraendo la necessità
continua del bias di conferma di cui si nutrono.

E questo bias non lo vince nè la pacata Ragione e
neppure la derisione, ma solo la gioia che nasce
dalla partecipazione di tutti noi e dalla collaborazione
di ognuno, allo svelamento.

Alf




permalink | inviato da Ricciotti il 22/5/2020 alle 17:32 | Versione per la stampa


16 maggio 2020

Cronache dal Coronacene (Coronazoico ?)

Questo sotto-periodo geologico (eone) dell'Antropocene
- epoca plasmata dagli effetti di un virus sulla
massiccia attività umana su Terra - vive di episodi.
 
Oggidì nel maggio 2020, se devi lavorare, non è
che ti è permesso di uscire di casa: Lo devi fare, punto.

Ma cosa dire e scrivere circa l'attività politica
che dobbiamo esercitare in quanto popolo sovrano?
Per quei pochi che ancora pretendono di influire
sulla vita sociale mediante azioni e idee, tutto
ciò è assolutamente permesso: Possiamo protestare,
proporre, manifestare e decidere liberamente.

Col cazzo, ma lo si può fare.

Siamo sovrani liberi cui il Tiranno consente
di agire, senza vincoli o costrizioni.

Di scegliere - necessariamente e risolutamente -
con il benemerito cazzo.

Alf




permalink | inviato da Ricciotti il 16/5/2020 alle 20:25 | Versione per la stampa


13 maggio 2020

Pepetito ed Ettore sono d'accordo

"Se qualcosa può andare male, andrà certamente male".
Questa è una delle principali declamatorie enfatiche
della Legge (empirica e pragmatica) di Murphy;
la più verificata, nella mia opinione.

Ma che voglio intendere?

Rimugino sulle implicazioni individuali che il
periodo storico del Coronacene potrà inverare
sulla vita solitaria e sociale delle persone, e se
ve ne saranno di positive.
Poco probabili, queste ultime.

Vi saranno trasformazioni per omotetia; ego che si
amplieranno o ridurranno, eppure non posso fare a
meno di trascurare la pessima natura umana ed
arrischiare un paio di vaticini: L'incremento di
patologie mentali (alcolismo, per esempio),
articolari (cervicali), panze e sederi lievitati
a dismisura.

Non mi aspetto alcuna meravigliosa evoluzione nella
- e della - Polis; lo spettacolo penoso offerto dai
cantanti e suonatori dai balconi, la stupida etichetta
di "Eroi" affibbiata a coloro che - semplicemente -
svolgevano il loro dovere, eccetera, sono qui per
restare. E me ne sono segnate molte altre, e tutte amare.
Insomma, ci si ridurrà alla usuale pantomima attoriale
ed autocelebrativa del noto - e paesano - Paese.


Alf




permalink | inviato da Ricciotti il 13/5/2020 alle 9:2 | Versione per la stampa


9 maggio 2020

Il mio nuovo fiore per te

Il fiore per te, Wanda.




Alfredo




permalink | inviato da Ricciotti il 9/5/2020 alle 14:45 | Versione per la stampa


6 maggio 2020

Stalker

Film sovietico che narra in appena tre ore,
ma che ne paiono sette, la storia di un gruppetto di
amici partenopei che vanno a fare una gita nei boschi,
che parlano e parlano e parlano, perdendosi.

Lo spettatore appena finisce il film e viene liberato
dalle catene che gli impedivano la fuga e dal bavaglio
che gli interdiva l'urlare, si alza solitamente con un
discreto aplòmb e notevole portamento blasè, ed inizia
la sua algida ricerca degli attori, del regista, degli
sceneggiatori e di tutti i tecnici (fonico, fotografo,
scenografo, costumisti, trovarobe, elettricisti, etc.
Tutti, insomma) sperando di trovarli ancora vivi e verdi.

Alf




permalink | inviato da Ricciotti il 6/5/2020 alle 7:45 | Versione per la stampa


29 aprile 2020

Patti chiari

"Cari cittadini e cittadine; il vostro Stato vi vuole bene.
Tutto ciò premesso, sappiate che la App detta Immuni
è installabile nei vostri scocciofoni su base totalmente
ed assolutamente volontaria.
Ma se non lo fate, egregi rompicoglioni, ve s'enculamo".


Alf




permalink | inviato da Ricciotti il 29/4/2020 alle 17:59 | Versione per la stampa


13 aprile 2020

Fere libenter homines id quod volunt credunt

"Comando che la si faccia finita con questa moda
di vedere complotti e congiure ovunque. Vero, Bruto?"

Gaio Giulio Cesare


Alf




permalink | inviato da Ricciotti il 13/4/2020 alle 19:59 | Versione per la stampa


12 aprile 2020

La trota della certezza

Quasi tutti i fenomeni naturali quando tornano
allo stato di equilibrio - quello che i profani
chiamano "normale" - lo fanno seguendo un
andamento fatto di oscillazioni in ampiezza
via via sempre maggiormente smorzate.

Quasi mai con un subitaneo crollo del fenomeno.

Serenamente e lentamente, quindi.


Alf




permalink | inviato da Ricciotti il 12/4/2020 alle 16:44 | Versione per la stampa


11 aprile 2020

Elegia

Occhio mio, cosa ti frena dall'irrefrenabile pianto,
dinanzi ai tremendi colpi del Fato, Destino crudele?
Libero sei nelle pene e nella compassione,
per il fratello ed i suoi orfani.

Nella consolazione che trovi tu, nel dar rifugio
allo straniero.

E patisci per la tua guerriera forza,
che difender vuole i preziosi averi
sordo il tuo orecchio al mendicante,
che viene a sollecitare il tuo aiuto.


Di al-Khansà;  poetessa araba preislamica


Alf




permalink | inviato da Ricciotti il 11/4/2020 alle 21:50 | Versione per la stampa
sfoglia     maggio       
 
 




blog letto 158455 volte
Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom

COSE VARIE

Indice ultime cose
Il mio profilo

RUBRICHE

Diario

VAI A VEDERE


CERCA